Indennita┬┤ una tantum 200,00 euro - art. 31 D.L. n. 50-2022

Indennita┬┤ una tantum 200,00 euro - art. 31 D.L. n. 50-2022

Per contribuire alle difficoltà connesse al caro prezzi, con il Decreto Aiuti (D.L. n. 50/2022), è stata prevista l’erogazione di un’indennità una tantum di 200 euro (BONUS), destinata a pensionati e lavoratori dipendenti con reddito inferiore a 35.000 euro, disoccupati, soggetti che percepiscono il reddito di cittadinanza, lavoratori stagionali e lavoratori domestici (articoli 31 e 32 del decreto).

I lavoratori subordinati beneficiari del suddetto Bonus sono coloro:

- a cui è stato riconosciuto l’esonero (previsto dalla legge n. 234/2021) sulla quota dei contributi pari allo 0,80% per almeno una mensilità da gennaio ad aprile 2022;

- che non percepiscono trattamenti pensionistici a carico di qualunque forma previdenziale e non sono beneficiari del reddito di cittadinanza, anche se solo fanno parte di un nucleo familiare beneficiario del reddito di cittadinanza (in quanto lo percepiranno direttamente da parte dell’INPS).

Il Bonus verrà riconosciuto dal datore di lavoro, in misura fissa ed una sola volta (dunque, in presenza di più rapporti di lavoro part-time, il lavoratore deve scegliere il datore di lavoro che dovrà procedere all’erogazione del Bonus) nella retribuzione erogata nel mese di Luglio 2022 che poi recupererà nelle somme dovute all’INPS per quel mese, previa presentazione, da parte del lavoratore, di una dichiarazione che attesti che non percepisca trattamenti pensionistici/reddito di cittadinanza e di non appartenere ad un nucleo familiare che percepisce reddito di cittadinanza.

L’INPS ha emanato, nel merito, il messaggio n. 2397/2022, che poco chiarisce sia sul momento dell’erogazione del Bonus, sia sulle modalità della stessa, rimandando comunque ad una successiva Circolare attuativa che, si spera, chiarisca le molteplici criticità finora emerse.

Nel caso in cui l’INPS dovesse verificare la doppia erogazione, il bonus erogato indebitamente verrà recuperato in capo al dipendente sempre tramite l’azienda.